Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Come si trasforma e reagisce una piccola comunità di fronte ad una pandemia? Come cambiano le abitudini consolidate dinanzi a quelle restrizioni che hanno condizionato in maniera così violenta ed inaspettata la nostra vita?

Siamo quotidianamente travolti da un flusso incontrollato di notizie ed immagini sul tema Covid-19, ma questo reportage ha il merito di fermarsi e raccontare com’è cambiata la vita in un quartiere grazie ad una testimone d’eccezione: la strada.

Centocelle è un quartiere popolare nella periferia a sud est di Roma. 

Da sempre terra di operai e commercianti, negli ultimi anni ha vissuto una rinascita che ha dato nuova linfa al commercio e alla vita culturale, senza perdere però la sua anima malinconica. Piccoli negozi di artigiani, ristoranti e bistrot aperti da giovani imprenditori che hanno deciso di spostarsi in questo quartiere attratti forse dagli affitti ancora accessibili e dalle nuove stazioni metro.

Cambiamenti che non hanno però scalfito ciò che da sempre ha caratterizzato questa borgata: la strada.

La strada è da sempre il luogo che più di ogni altro raccoglie e racconta i sentimenti e i cambiamenti di una borgata, e mai come in questo momento è diventata lo specchio della speranza e del coraggio dei suoi abitanti: rivela le storie di coloro che hanno resistito per quasi due mesi in quarantena, che hanno applicato le restrizioni imposte dal governo, che si sono presi cura dei più deboli arrivando lì dove non sono arrivate le istituzioni.

E la strada è lì, che osserva e raccoglie gli sguardi, i pensieri, le ombre e le paure, diventando così testimone di un cambiamento epocale.

Andrea Agostini

Andrea Agostini

Andrea Agostini (Roma, 1979) si è avvicinato alla fotografia frequentando prima un corso di fotografia base di Matteo Carnevali, poi uno di Street Photography con Stefano Mirabella presso le Officine Fotografiche, oltre a un Masterclass di reportage fotografico con Antonio Faccilongo. Ha lavorato come documentarista per il programma "Marcopolo" (Sky), raccontando l’Italia e il resto del mondo attraverso la narrazione di piccole e grandi storie.
it_IT
en_GB es_ES it_IT

Sostienici

#lafotografianonèmorta

Resta informato su AntiVirus Gallery attraverso la nostra newsletter. Tranquillo, non ti inonderemo di E-Mail.